Amico del Consumatore
Sito Ideale

Notizie Aggiornamenti e Novità


Notizia 27/05/2019

PARLIAMO DI RISARCIMENTO DANNI DA BUCHE, DA FONDO STRADALE DISSESTATO, DA CADUTA DI RAMI E ALBERI


SEI UN CITTADINO RESIDENTE A ROMA ED HAI SUBITO UN DANNO CAUSATO DA UNA BUCA, DAL FONDO STRADALE DISSESTATO, DALLA CADUTA DI ALBERI?

PUOI OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO SUBITO!






IL DIRITTO AL RISARCIMENTO NON E' PIU' UN MIRAGGIO ... SE SAI COME AGIRE

Le buche stradali ed i marciapiedi dissestati sono una vera e propria dannazione per i cittadini di Roma e come se non bastasse, ad ogni nubifragio la situazione precipita: avvallamenti dell’asfalto, voragini, buche profonde, sampietrini saltati, caduta di rami o addirittura di alberi secolari.

La cattiva manutenzione delle strade romane è un’emergenza senza fine che provoca ogni anno morti e feriti, oltre a portare notevoli esborsi economici ai romani a causa dei danni che subiscono le autovetture o i motocicli (forature, rottura pneumatici o cerchioni, danni alle sospensioni, danni fisici da cadute, ....)

Per questi motivi abbiamo deciso di offrirvi anche questo servizio di tutela.

TANTO PER INIZIARE, ALCUNE SEMPLICI REGOLE:
• SCATTARE UNA FOTO ALLA BUCA OPPURE AL FONDO STRADALE DISSESTATO;
• RICHIEDERE SUL MOMENTO UN VERBALE DALLA POLIZIA MUNICIPALE, DALLA POLIZIA STRADALE O DAI CARABINIERI CHE ATTESTI LE CONDIZIONI DELLA STRADA (PRESENZA DI BUCHE, AVVALLAMENTI DELL’ASFALTO ECC...);
• COINVOLGERE TESTIMONI CHE HANNO ASSISTITO ALL’EVENTO;
• NEL CASO DI LESIONI FISICHE ESSERE IN POSSESSO DI UN CERTIFICATO MEDICO.

Tuteliamo i vostri diritti e siamo pronti a rappresentarvi.

Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutti i MARTEDI’ e GIOVEDI’ dalle 9.30 alle 12.30

Segui le nostre iniziative sulla pagina FB Amico del Consumatore.





Notizia 21/05/2019

FURTO O SMARRIMENTO CARTA DI CREDITO


FURTO O SMARRIMENTO CARTA DI CREDITO

SEI VITTIMA DI OPERAZIONI FRAUDOLENTE? NON TUTTO E' PERSO POTRESTI AVERE IL DIRITTO AL RIMBORSO!






Furto, smarrimento di carta di credito, prepagata o bancomat non disperate non tutto è perso.

Infatti l'ABF (Arbitro Finanziaro Bancario) ha sentenziato (decisione nr. 8193 del 25/03/2019) il rimborso totale del maltolto avvenuto, con operazioni non autorizzate e/o ad insaputa del titolare, a seguito di furto o smarrimento della carta. Infatti, adempiuti gli obblighi del blocco della carta e sporto denuncia, spetta all'Ente Creditore (così cita l'ABF) fornire la prova che gli addebiti non autorizzati/fraudolenti siano avvenuti per colpa del cliente. Senza la colpa del cliente, quindi, Banca (o Poste) deve pagare!

Lo stesso vale per gli acquisti on line fraudolenti. Però attenzione: l'ABF ha evidenziato l'importanza degli “sms alert” (sentenza 7910 del 20/03/19) riconoscendo un rimborso parziale pari al 50% dell'importo sottratto ad insaputa del cliente, laddove questi non abbai attivato il servizio “sms alert” che consente di monitorare i prelievi.

Non rinunciare a far valere il diritto al rimborso.

Ricorda che attraverso l'ABF puoi ottenere giustizia senza dover sopportare i costi ed i tempi del tribunale.

L'Associazione è qui per tutelare i tuoi interessi e far valere i tuoi diritti. Vieni a trovarci con la denuncia, una consulenza potrebbe donarti nuovamente il sorriso.

Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutti i MARTEDI’ e GIOVEDI’ dalle 9.30 alle 12.30

Segui le nostre iniziative sulla pagina FB Amico del Consumatore.








Notizia 14/05/2019

CONTO CORRENTE? VERIFICA I TUOI COSTI!






PERCHE’ E’ IMPORTANTE SCOPRIRE SE IL CONTO CORRENTE BANCARIO E'/ERA AFFETTO DA ANATOCISMO BANCARIO?

- chi si è visto applicare l’anatocismo bancario per anni può recuperare anche grosse cifre.
- si tratta di un’occasione importante, da non rimandare.
- Spesso, infatti, alla fine del ricalcolo, un conto con un saldo negativo potrebbe passare ad un saldo positivo per il correntista, facendo in tal modo riacquistare un’ imprevista ed insperata liquidità.

Ebbene, l'ANATOCISMO non riguarda solo i conti correnti bancari accesi ma anche quelli già chiusi (da non più di dieci anni).

E' un interesse composto, il che vuol dire che gli interessi maturati e non pagati vengono sommati al capitale ed insieme ad esso producono ulteriori interessi.

Tuttavia, già dal 1999, la Cassazione (sentenza n. 2374 del 16 marzo) VIETA l'anatocismo in quanto contrario all'art. 1283 del Codice Civile. Quindi è VIETATA la capitalizzazione composta degli interessi (solitamente annuale per quelli attivi e trimestrale per quelli passivi) ovvero il pagamento di interessi su interessi relativi a periodi precedenti. Nonostante ciò, le banche hanno continuato ad applicare la capitalizzazione trimestrale degli interessi.

PERCHE' E' IMPORTANTE VERIFICARE?

Tale prassi ha generato un notevole contenzioso portando la Corte di Cassazione ad affermare più volte la nullità della previsione contenuta nei contratti di conto corrente bancario, avente ad oggetto la capitalizzazione trimestrale degli interessi dovuti dal cliente. Ciò significa che dal 2000, quando l’anatocismo è stato regolamentato e regolarizzato, le banche sono tenute a restituire ai clienti le somme maturate grazie alla capitalizzazione trimestrale degli interessi. Tutto ciò ha indotto i correntisti più informati a richiedere ed ottenere la restituzione delle somme illegalmente addebitate.

Analogamente, si possono recuperare le Commissioni di massimo scoperto ed i costi non pattuiti mentre per i contratti di mutuo non è consentito l'anatocismo e gli interessi possono essere conteggiati esclusivamente sulla sorte capitale.

Per i nuovi rapporti di conto corrente rimane il principio della pari periodicità della capitalizzazione per interessi creditori e debitori, comunque non inferiore ad un anno.

Pertanto, prima di stipulare un nuovo contratto bancario è sempre opportuno il consiglio attento di un esperto per non incorrere in clausole svantaggiose che nel tempo possono gravare in termini economici. E ricorda che il consumatore ha DIRITTO di leggere ed esaminare con attenzione il contratto ...

Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutti i MARTEDI’ e GIOVEDI’ dalle 9.30 alle 12.30

Segui le nostre iniziative sulla pagina FB Amico del Consumatore.








Notizia 03/05/2019

VENDITA PRODOTTI HI-TECH SCONTATISSIMI - MULTATI 7 PORTALI ITALIANI


VENDITA PRODOTTI HI-TECH SCONTATISSIMI - MULTATI 7 PORTALI ITALIANI





L'Antitrust ha sanzionato per oltre 1 milione di Euro i 7 operatori italiani per pubblicità ingannevole (consistente nella mera prospettiva di acquistare il prodotto ad un prezzo scontatissimo – il versato rappresentava una prenotazione e non l'acquisto – tant'è che solitamente non avveniva la consegna) e violazioni al Codice del Consumo (al consumatore veniva impedito di esercitare il diritto di recesso).

Nello specifico si legge nella nota dell’Antitrust:

“Gli operatori, seppure con modalità differenziate, hanno promosso una particolare offerta commerciale nella quale i consumatori sono stati invitati ad “acquistare” prodotti ad un prezzo particolarmente scontato, versando immediatamente il prezzo scontato richiesto, salvo poi dover attendere, per poter conseguire il prodotto, che altri consumatori effettuassero un analogo acquisto. Al fine di ottenere il bene al prezzo scontato, il consumatore doveva inoltre attivarsi per individuare direttamente i nuovi acquirenti, generalmente 2 o 3, ovvero attendere in una specifica lista gestita dal venditore che altri consumatori “acquistassero” il medesimo prodotto”.

Le eventuali liste di attesa non sono state mai rese note dal venditore interessato, né tantomeno lo sono stati i meccanismi di avanzamento della lista ed i relativi tempi di attesa.

Ma vediamo chi sono gli operatori sanzionati:
- GIRADA SRLS (provvedimento PS10842B - sito girada.com) multa € 350mila,
- ZUAMI SRLS (provvedimento PS11175 sito 11175 - sito zuami.it) multa €100mila,
- GLADIATORI ROMA SRLS (provvedimento PS11211 - sito bazaza.it e listapro.it) multa €200mila,
- SHOP BUY SRLS (provvedimento PS11262 - sito shopbuy.it) multa €150mila,
- IBALO SRLS (provvedimento PS11283 - sito ibalo.it) multa €130mila,
- E CO WORD (provvedimento 11261 - sito 66x100.com)multa €100mila.

Se, tuo malgrado, sei caduto in questa “trappola” o simili, associandoti (gratuitamente) avrai diritto ad una consulenza al fine di valutare le azioni da intraprendere.

Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutti i MARTEDI’ e GIOVEDI’ dalle 9.30 alle 12.30

Segui le nostre iniziative sulla pagina FB Amico del Consumatore.









< 1>

Torna SU