Amico del Consumatore
Sito Ideale

Notizie Aggiornamenti e Novità


Notizia 27/12/2019

VACANZE NATALIZIE, LA PRIVACY NON VA IN VACANZA, COME GLI IMBROGLIONI ...







Nel periodo natalizio si ricevono e si inviano febbrilmente ed a volte superficialmente auguri tramite sms, sistemi di messaggistica, e-mail e social network.

ATTENZIONE alcuni messaggi, apparentemente carini e simpatici, potrebbero però contenere virus, link a pagamento o tentativi di phishing.

Altra consuetudine è quella di condividere foto e video in cui compaiono bambini, consigliamo sempre di limitare le impostazioni di visibilità delle immagini.

Buona e vecchia regola diffidare delle offerte a prezzi vantaggiosi di viaggi e/o regali, che arrivano via internet, da ottenere a condizione di effettuare clic su link o fornire dati personali o bancari.

Avete fatto acquisti on line? OCCHIO alle false notifiche di spedizione. Nei casi dubbi, non fornite alcun dato.

Per i pagamenti on line è preferibile pagare con carte di credito prepagate. E' sempre utile impostare l'avviso di addebito in tempo reale, per essere sempre a conoscenza delle transazioni che si effettuano.

Altra insidia si può nascondere dietro le app gratuite per avere accesso a promozioni o negozi online, queste applicazioni potrebbero nascondere virus.

Se durante le feste di Natale si parte per le vacanze, meglio non rendere noto il periodo di assenza o inviare foto dal posto di vacanza, per non rendere noto anche ai malintenzionati che la casa è libera ...

Se sono presenti in casa prodotti e sistemi domotici, è importante ricordare che questi dispositivi possono essere esposti ad attacchi informatici e virus, consiglio: scegliete password sicure e disconnettete quelli che non servono attivi durante l'assenza.

Se non indispensabile evitate le connessioni wi-fi gratuite offerte da locali e hotel, perché potrebbero non essere protette ed esporre i nostri apparecchi a virus o intrusioni esterne a caccia di dati personali.

COME DIFENDERSI?
Utilizzare gli aggiornamenti software ed i programmi antivirus dotati anche di anti-spyware e anti-spam possono proteggere dai furti di dati o violazioni della privacy.

Ma la migliori difesa resta sempre la consapevolezza nell’uso delle tecnologie e l’accortezza nel diffondere i nostri dati personali.

Sempre pronti a tutelare i vostri interessi vi rinnoviamo i nostri augurio di buone feste.

Qui il link del garante "Privacy sotto l'albero" : https://www.garanteprivacy.it/web/guest/temi/natale

e per chi vuole approfondire: https://www.garanteprivacy.it/temi/cybersecurity



📧Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
☎️chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutte le mattine dal MARTEDI’ al VENERDI’ dalle 9.30 alle 13.








Notizia 27/12/2019

PRODOTTO DIFFORME DA QUELLO ACQUISTATO? COSA FARE







Vediamo insieme come comportarsi quando ci sono delle anomalie nel prodotto venduto, qualunque esso sia (mobilio, accessorio, vestiario...).

Dal 2002 è stato introdotto un concetto unitario di difformità che prevede in primo luogo la proposta di riparazione o sostituzione del bene (rimedi primari) e, in secondo luogo - alle condizioni contemplate dal comma 7 dell’art. 130 Codice del consumo – la risoluzione del contratto (rimedi secondari) ed il rimborso di quanto pagato.

In particolare, al riguardo, l’art. 130 del cod. cons. prevede che “il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione”, mentre si potrà ricorrere direttamente alla risoluzione del contratto, nel caso in cui:

• la riparazione e la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose;

• il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo (comma 5);

• la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore” (comma 7).

La nostra casistica ci dice che spesso i negozianti propongono un nuovo acquisto riducendo magari del 50% il prezzo originario.

Questo “non è commercialmente corretto”, infatti in linea generale si ha diritto alla sostituzione del bene difforme e, laddove non sia possibile, al rilascio di un buono d'acquisto pari al valore dell'importo sborsato.

Vieni a trovarci insieme adotteremo la strategia migliore.

📧Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
☎️chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutte le mattine dal MARTEDI’ al VENERDI’ dalle 9.30 alle 13.





Notizia 27/12/2019

FATTURAZIONE A 28 GIORNI.......ARRIVANO I RIMBORSI?


Parliamo ancora di fatturazione illegittima a 28 giorni (AGCOM delibera 121/17/CONS) applicata dalle compagnie telefoniche.

Finalmente è tempo di rimborsi, ma c'è ancora tanta confusione, infatti le compagnie telefoniche “bombardano” gli utenti proponendo come rimborso servizi accessori in luogo dei rimborsi monetari (per i gestori ad impatto zero rispetto al rimborso economico).

Gli utenti che vogliono ottenere il rimborso economico (circa una mensilità) hanno diritto ad uno storno dall'importo della fattura pari ai giorni erosi nel periodo della fatturazione a 28 giorni.

Se si è ancora clienti della stessa compagnia telefonica il rimborso DOVREBBE avvenire automaticamente (consiglio: controllate la fattura e se il rimborso manca fatene richiesta scritta).

Se avete cambiato gestore, avete comunque diritto al rimborso dal gestore precedente ma, in questo caso, per ottenerlo dovete farne obbligatoriamente richiesta scritta.

L'amico del Consumatore offre gratuitamente, a tutti i suoi associati, l'assistenza per ottenere gli eventuali rimborsi in tempi radipi.






📧Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
☎️chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutte le mattine dal MARTEDI’ al VENERDI’ dalle 9.30 alle 13.









Notizia 11/12/2019

PARLIAMO DI ....BOLLETTE PAZZE !!!


📣 📣 Un recentissimo emendamento alla manovra di Bilancio IMPONE ai gestori di servizi di telefonia, energia elettrica, gas, acqua e Internet 👉 IL RIMBORSO DEL PAGAMENTO NON DOVUTO effettuato eventualmente dal consumatore e una PENALITA' DEL 10% sul pagamento stesso, DA VERSARE IN FAVORE DEL CONSUMATORE vittima della bolletta irregolare.

Dunque, in caso di fatturazione errata ovvero in caso di violazioni relative alle modalità di rilevazione dei consumi, di esecuzione dei conguagli o di fatturazione nonché per addebiti di spese non giustificate e di costi per consumi, servizi o beni non dovuti, ➡️ L'UTENTE “HA DIRITTO AD OTTENERE, oltre al rimborso delle somme eventualmente versate, ANCHE IL PAGAMENTO DI UNA PENALE PARI AL 10% DELL'AMMONTARE CONTESTATO E NON DOVUTO e, comunque, per un importo non inferiore a € 100 💰.

👉 Sperando che l'emendamento possa diventare legge, imponendo sanzioni anche più pesanti, l'Associazione Amico del Consumatore ricorda che sono tanti i rimedi per evitare i soprusi per il consumatore. Tanto per iniziare, si deve ricordare il fondamentale principio per cui, in materia di contratto di somministrazione (energia, telefonia …) GRAVA SUL FORNITORE l’onere della PROVA di avere effettivamente erogato il servizio / bene e di averlo fatto nella misura sottesa alla relativa fatturazione.
In difetto di tale prova, la pretesa del fornitore/somministrante non potrà che essere disattesa (Tribunale di Grosseto, sentenza n. 913/18 del 30 ottobre 2018)

Se la bolletta è pazza, non diventare pazzo! Agisci con noi e scopri tutte le armi a difesa del consumatore.






📧Scrivici info@amicoldeconsumatore.it
☎️chiamaci 331 94 60 534
oppure vieni a trovarci allo sportello “Amico” tutte le mattine dal MARTEDI’ al VENERDI’ dalle 9.30 alle 13.




Notizia 04/12/2019

IN ARRIVO TV E DECODER DI NUOVA GENERAZIONE …..NASCE IL BONUS TV!







Dal 2022 i programmi televisivi saranno trasmessi attraverso gli standard trasmissivi (DVBT-2/HEVC).

Questo renderà necessario, per chi non possiede un televisore di ultima generazione, l’acquisto di TV e decoder idonei alla ricezione dei programmi televisivi.

Così, per agevolare le famiglie, nasce il “Bonus TV” che sarà disponibile a partire dal 18 dicembre 2019 e fino al 31 dicembre 2022.

ATTENZIONE: lo sconto verrà erogato fino ad esaurimento degli importi stanziati dal Governo.

I requisiti per accedere sono:
- ISEE nucleo familiare non superiore a € 20mila,
- si può richiedere un solo bonus a nucleo familiare (quindi nessun altro componente del nucleo familiare deve aver già usufruito del bonus Tv),
- l'agevolazione massima è di € 50.


La richiesta del contributo deve essere fatta direttamente al venditore che trasmetterà una comunicazione telematica alla Direzione Generale del Ministero dello Sviluppo Economico.

I dati trasmessi saranno:
• il codice fiscale del venditore,
• il codice fiscale, il documento d'identità e la richiesta dell'agevolazione (contenente la dichiarazione del possesso dei requisiti sopra descritti) dell'utente finale,
• i dati identificativi dell'apparecchio acquistato,
• il prezzo finale di vendita comprensivo di IVA,
• l'ammontare dello sconto.

Il servizio telematico, fatte le opportune verifiche, comunica al venditore la disponibilità dello sconto richiesto mediante rilascio di attestazione.

SE L'UTENTE CI RIPENSA E NON VUOLE PIU' ACQUISTARE L'APPARECCHIO? Il venditore comunicherà l'annullamento dell'operazione tramite il servizio telematico in forma del tutto gratuita.

SE L'ACQUISTO AVVIENE IN UN PAESE EUROPEO DIVERSO DALL'ITALIA? Il recupero dello sconto avverrà mediante le procedure indicate nel sito del Ministero dello sviluppo economico.

Di seguito il link dell'estratto della Gazzetta Ufficiale:
https://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/DM-DECODER-2019.pdf


Siamo sempre al servizio del cittadino, l'Amico del Consumatore vi aspetta.


Scrivici info@amicoldeconsumatore.it

Chiamaci 331 94 60 534

👉 Segui le nostre iniziative sulla pagina FB Amico del Consumatore






<< < 1 2 3 4 5 6 78 9 10 > >>

Torna SU